fbpx
articolo marcatura vetro
Considerazioni e strumenti per la marcatura laser su vetro
12 Settembre 2022
articolo blog nimax marcatore metallo
Come valutare l’investimento per un marcatore laser metallo
22 Settembre 2022

Labelling: considerazioni tecnologiche per ogni settore

Le migliori soluzioni per il labelling dei prodotti dei principali settori industriali

considerazioni labelling

Ogni settore e ogni azienda al suo interno hanno particolari esigenze da soddisfare in termini di etichettatura dei prodotti. L’obiettivo di questo articolo è presentarvi le necessità, le specifiche normative e le soluzioni di labelling più adatte a soddisfarle, raggiungendo anche l’obiettivo di incrementare l’efficienza della linea di produzione.

Continuate la lettura per saperne di più!

Perché i processi di labelling sono strategici oggi?
L’obiettivo del labelling è fare in modo che i consumatori dispongano di informazioni complete sul contenuto e sulla composizione dei prodotti per tutelarne salute e interessi.

La crescente attenzione alle qualità dei prodotti – come l’origine, il metodo di produzione o gli ingredienti, nel caso degli alimenti – ha portato all’introduzione di normative sempre più precise e severe in materia di etichettatura.

Specificità per settore produttivo – etichette alimentari

Le etichette alimentari sono il primo esempio che viene in mente quando si parla di labelling, perché prevedono norme specifiche a seconda del Paese di riferimento, della tipologia di alimento o bevanda e del mercato a cui sono destinati i prodotti (ad esempio se vengono venduti attraverso il canale della Grande Distribuzione).

Ecco una sintesi del quadro normativo di riferimento per quanto riguarda l’etichettatura di prodotti alimentari:

  • Regolamento UE 1169/2011 che indica le informazioni da comunicare in etichetta per gli alimenti destinati ai consumatori;
  • Regolamento UE 775/2018 che fornisce ulteriori indicazioni sul Paese d’origine dell’alimento e la provenienza dell’ingrediente primario;
  • Decreto Legislativo 231/2017 che definisce le sanzioni previste dall’Italia in caso di violazioni dei Regolamenti UE.
Specificità per settore produttivo – etichette prodotti chimici

Il riferimento normativo per le etichette da apporre sulle confezioni di prodotti chimici è il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP – Classification, Labelling and Packaging).

Gli obiettivi delle etichette dei prodotti chimici sono:

  • fornire informazioni sulla loro pericolosità;
  • evidenziare i rischi a cui si possono esporre gli utilizzatori;
  • indicare le misure precauzionali per un corretto utilizzo, conservazione e smaltimento.

etichette prodotti chimici

La nuova normativa UFI (Unique Formula Identifier – Identificatore Unico Di Formula) ha inoltre previsto che – dal 1° gennaio 2020 per i prodotti vendibili ai consumatori e dal 1° gennaio 2021 per i prodotti vendibili ai professionisti – le aziende produttrici di miscele pericolose debbano riportare il codice UFI sulle etichette dei loro prodotti.

Scoprite le soluzioni di etichettatura innovative che assicurano l’efficienza in ogni fase della supply chain scaricando il white paper gratuito!

Il codice UFI è a sedici cifre ed è univoco per ogni prodotto: in questo modo crea un collegamento diretto tra la miscela e il database centrale che contiene le informazioni sulla sicurezza, che possono così restare a diposizione dei centri antiveleni per la gestione delle chiamate in caso di un’emergenza come, ad esempio, l’ingestione di una sostanza pericolosa.

Dal 1° gennaio 2025 la normativa UFI entrerà in vigore anche per i prodotti vendibili su scala industriale.

Specificità per settore produttivo – etichette cosmetici

I contenitori e gli imballaggi dei prodotti cosmetici devono indicare alcune informazioni obbligatorie per potere essere venduti sul mercato:

  • nome o ragione sociale e indirizzo del produttore;
  • contenuto nominale (in peso, volume o pezzi);
  • data di durata minima o data di scadenza o – per i prodotti con durata minima superiore a 30 mesi – indicazioni sul PAO (Period After Opening, il periodo dopo l’apertura);
  • precauzioni particolari per l’impiego, riportabili in un foglio di istruzioni se non possono essere contenute nell’etichetta;
  • numero del lotto di fabbricazione;
  • Paese d’origine (se extra UE è obbligatoria la dicitura “Made in [nome Paese]”;
  • funzione del prodotto;
  • elenco ingredienti (INCI).

labelling cosmetici

Il quadro normativo di riferimento per quanto riguarda l’etichettatura dei prodotti cosmetici comprende:

  • Articolo 3 comma 1 del Decreto del Ministero della Salute 27 settembre 2018;
  • Regolamento CE n. 1223/2009;
  • Decisione UE 2019/701.

Un approfondimento è disponibile sul sito del Ministero della Salute, potete cliccare qui per consultarlo.

Specificità per settore produttivo – etichettatura farmaci

Le aziende del settore farmaceutico hanno come priorità principale la protezione della salute dei pazienti e in quest’ottica i processi di etichettatura ricoprono un ruolo fondamentale.

Nelle confezioni di farmaci per la vendita al pubblico – scatole in cartone, blister e barattoli – così come nei farmaci destinati alle strutture ospedaliere – tipicamente confezioni generiche – l’apposizione dell’etichetta e il suo contenuto devono rispondere a precisi standard normativi.

Il quadro di riferimento comprende:

  • la Direttiva 2001/83/CE1;
  • il Decreto Legislativo 17/2014 che racchiude le modifiche applicate alla direttiva nel corso degli anni.

In ambito farmaceutico anche la verifica della qualità dell’etichettatura riveste un ruolo centrale. Le soluzioni di labelling più all’avanguardia integrano all’etichettatura uno strumento di verifica in linea, per assicurarsi che ogni prodotto, confezione e lotto siano inseriti nel gestionale e consentano di rispondere in modo rapido a un eventuale controllo, nel pieno rispetto delle normative in materia di tracciabilità.

Nel video potete osservare il funzionamento dei sistemi integrati Domino Serie M e Serie R sviluppati proprio in collaborazione con aziende del settore farmaceutico:

Imballaggi primari, secondari, terziari

Il packaging dei prodotti può essere suddiviso in 3 livelli:

  1. l’imballaggio primario contiene i prodotti e li protegge dall’ambiente esterno;
  2. il livello di packaging successivo è il secondario, la confezione che racchiude più imballaggi primari;
  3. il packaging terziario è il film estensibile che avvolge il pallet che trasporta i prodotti dal produttore ai rivenditori.

Ecco alcuni esempi nelle immagini:

imballo-primario-imballo-secondario-imballo-terziario-differenze

La confezione di succo rappresenta l’imballaggio primario, la scatola di cartone che contiene barrette di cioccolato al latte quello secondario e il film che avvolge il pallet rappresenta il packaging terziario.

Scoprite le soluzioni di etichettatura innovative che assicurano l’efficienza in ogni fase della supply chain scaricando il white paper gratuito!

Come scegliere le soluzioni più adatte per il labelling dei prodotti

Il primo passo per valutare il sistema di labelling più adatto alla vostra azienda è l’analisi delle esigenze in termini di imballaggio (primario, secondario e terziario) e di etichettatura.

Spesso capita di trovarsi nella situazione in cui dotarsi di una soluzione innovativa è una necessità dovuta ad aggiornamenti normativi oppure alla scelta strategica di entrare in un nuovo mercato caratterizzato da requisiti e standard specifici.

I sistemi di etichettatura consentono di aumentare la velocità, la precisione nell’applicazione delle etichette – che devono sempre corrispondere al giusto prodotto e al lotto – e la correttezza delle informazioni contenute.

In questo modo si riducono gli scarti e le necessità di verifica generate da un’eventuale applicazione manuale errata.

Di quali strumenti parliamo? Etichettatrice, stampante per etichette ed etichettatrice stampa e applica sono alcuni esempi. Vediamoli nel dettaglio.

Sistemi stampa e applica

La modularità dei sistemi stampa e applica Domino Serie M consente un’elevata flessibilità a seconda delle esigenze del cliente. Ogni sistema è costituito da controller, stampante e applicatore.

Mentre il controller rimane invariato a seconda dell’applicazione, quello che rende così flessibile e modulare il sistema è la possibilità di avere a disposizione una vasta gamma di stampanti (trasferimento termico e termiche dirette) con varie larghezze di teste di stampa e di applicatori (tampone, soffio, a contatto) proprio per soddisfare ogni singola esigenza per l’etichettatura di packaging.

Applicatori di etichette

Gli applicatori di etichette possono essere facilmente inseriti in linee di confezionamento esistenti e sono dotati di una meccanica robusta e modulare, adattabile a spazi particolarmente angusti.

Flessibili e veloci, i nostri sistemi di etichettatura sono in grado di accogliere rotoli di etichette fino a 400mm di diametro per un’elevata autonomia di funzionamento.

I vantaggi delle soluzioni automatiche di etichettatura

Oltre all’importante risparmio economico, la maggiore efficienza della linea di produzione si coniuga alla massima qualità, il vero elemento capace di fare la differenza sul mercato per le aziende di oggi.

Inoltre, un sistema di etichettatura automatizzato assicura una maggiore flessibilità e il rispetto degli standard internazionali, ad esempio nel caso di un’azienda alimentare che esporta in diversi Paesi e deve quindi variare le etichette nutrizionali a seconda della normativa di riferimento.

Quando uno degli interlocutori è la Grande Distribuzione, la competitività deriva in larga misura dalla capacità di variare la produzione e la flessibilità dei sistemi – in termini di diversi formati di etichette, ma anche di prodotti sui quali devono essere applicate – deve essere allineata alle strategie per raggiungere gli obiettivi.

La possibilità non solo di applicare etichette già realizzate, con brand e altri aspetti di marketing definiti dal cliente, ma anche di stamparle in tempo reale (aggiungendo lotto, scadenza o valori nutrizionali in lingue diverse) è un ulteriore vantaggio in termini di velocità ed efficienza.


Nell’articolo di oggi abbiamo visto come nei processi di labelling di tutti i settori la capacità del fornitore di assumere il ruolo di partner possa rappresentare un valore aggiunto davvero notevole. Ascoltare le esigenze, comprendere le necessità e individuare le soluzioni adatte che possano essere scalabili sono le peculiarità che permettono a nimax di crescere insieme ai clienti.

Se desiderate saperne di più, richiedete subito una consulenza gratuita e personalizzata con i nostri esperti!