fbpx
articolo blog marcatura laser
Marcatura laser: cosa sapere in ogni settore
15 Febbraio 2022
articolo lean manufcaturing
Lean manufacturing per i sistemi di codifica e marcatura
30 Giugno 2022
articolo blog marcatura laser
Marcatura laser: cosa sapere in ogni settore
15 Febbraio 2022
articolo lean manufcaturing
Lean manufacturing per i sistemi di codifica e marcatura
30 Giugno 2022

Etichette alimentari: soluzioni per ogni fase della supply chain

Breve guida alle normative e alle migliori soluzioni per le etichette alimentari

etichette alimentari supply chain soluzioni

Nuovi mercati emergenti, regolamenti nazionali, comunitari e internazionali, linee guida della Grande Distribuzione Organizzata (GDO), esigenze sempre maggiori da parte dei consumatori in tema di sostenibilità, tracciabilità e nutrizione sono solo alcuni degli aspetti che hanno fatto aumentare l’attenzione alle etichette alimentari.

Nell’articolo di oggi troverete alcune informazioni che speriamo possano esservi utili e le soluzioni efficaci a disposizione delle aziende del settore Food per il labelling dei prodotti.

Etichette alimentari: la definizione del Regolamento Europeo

L’Articolo 1 del Regolamento (UE) n. 1169/2011 definisce l’etichetta come un marchio, segno, immagine o grafica che si trova scritta, stampata, marchiata, impressa in rilievo o a impronta sul contenitore o imballaggio di un alimento.

guida completa al labelling

Etichettatura alimenti: gli ultimi aggiornamenti normativi

La sempre maggiore attenzione alle etichette alimentari si deve alla combinazione di due elementi: la spinta normativa e il crescente interesse dei consumatori nei confronti degli aspetti nutrizionali, di tracciabilità e sostenibilità dei prodotti alimentari.

Ecco una sintesi delle normative europee di riferimento.

Regolamento UE 1169/2011

La normativa fornisce indicazioni sulle informazioni da comunicare in etichetta per gli alimenti preimballati, confezionati, sfusi o preincartati destinati ai consumatori e si applica a tutte le fasi della supply chain.

L’obiettivo del Regolamento è la semplificazione del quadro normativo europeo e ha di fatto armonizzato le diverse norme nazionali per arrivare a garantire:

  • sicurezza ai consumatori;
  • diritto all’informazione sui prodotti alimentari;
  • libera circolazione di alimenti sicuri e sani;
  • scelte alimentari più consapevoli.
Regolamento UE 775/2018

La normativa fornisce indicazioni circa l’applicazione del Regolamento UE 1169/2011, riferendosi in particolare al Paese d’origine dell’alimento o al luogo di provenienza del suo ingrediente primario.

Decreto Legislativo 231/2017

In Italia è il D. Lgs. 231/2017 a definire le sanzioni previste in caso di violazioni del Regolamento UE.

Etichettatura prodotti alimentari: informazioni obbligatorie

Per assicurare ai consumatori l’accesso alle informazioni e di favorire scelte alimentari più consapevoli, le etichette alimentari devono innanzitutto essere chiare, leggibili e comprensibili. Non devono potersi cancellare, indurre in errore, attribuire proprietà di guarigione o prevenzione di malattie. Il Regolamento UE 1169/2011 è consultabile nella sua interezza a questo link.

Di seguito trovate una sintesi relativa alle informazioni obbligatorie sugli alimenti (contenute al Capo IV, Sezione 1 Articolo 9):

  • la denominazione dell’alimento;
  • l’elenco degli ingredienti;
  • l’indicazione di qualsiasi ingrediente o sostanza – usata nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata – che possa provocare allergie o intolleranza;
  • la quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti;
  • la quantità netta dell’alimento;
  • il termine minimo di conservazione o la data di scadenza;
  • le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego;
  • il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare;
  • il paese d’origine o il luogo di provenienza ove previsto;
  • le istruzioni per l’uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell’alimento;
  • il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume;
  • la dichiarazione nutrizionale.

Grazie alle informazioni contenute in etichetta i consumatori hanno l’opportunità di utilizzare i prodotti alimentari acquistati nel modo più corretto e di avere a disposizione i dati relativi a lotto, provenienza e confezionamento – necessari nei casi di emergenza.

Per la tutela del consumatore e la sicurezza alimentare, infatti, l’indicazione del lotto di produzione da cui proviene il prodotto è fondamentale. Di solito è costituita da un codice alfanumerico che ne permette la completa tracciabilità e, in caso di problemi, l’intervento tempestivo con il ritiro dell’intero lotto e il richiamo dei prodotti.

Anche le strategie di marketing possono incidere su packaging ed etichettatura degli alimenti con l’aggiunta di informazioni mirate a influenzare le decisioni di acquisto. Sono però quelle obbligatorie a risultare fondamentali nel soddisfare le necessità dei consumatori di conoscere composizione, ingredienti e proprietà nutrizionali dei prodotti.

Focus: etichetta nutrizionale

È stato l’Articolo 9 del Regolamento UE 1169/2011 a introdurre l’obbligo di etichettatura nutrizionale per tutti i prodotti alimentari preconfezionati eccetto gli integratori, le acque minerali naturali e gli alimenti destinati a un’alimentazione particolare.

L’obiettivo dell’introduzione di questo ulteriore obbligo normativo da parte dell’UE è la promozione di abitudini alimentari più corrette e bilanciate, supportate anche da campagne di educazione sulla lettura delle etichette e l’interpretazione delle informazioni su sostanze nutritive e calorie.

L’etichetta nutrizionale deve riportare indicazioni:

  • sul valore energetico (la quantità di calorie / joule dell’alimento);
  • sulla quantità di sostanze nutritive (proteine, carboidrati, grassi, acidi grassi saturi, zuccheri e sale) espresse per 100 gr / per 100 ml / per porzione.

Ci sono poi indicazioni nutrizionali facoltative che possono essere aggiunte a proposito della quantità di:

  • vitamine;
  • fibre;
  • sali minerali;
  • acidi grassi monoinsaturi / polinsaturi;
  • amidi;
  • polioli (o polialcoli) sia naturali come sorbitolo, eritritolo, xilitolo e mannitolo che artificiali come isomaltolo, lactitolo e maltitolo.

 

esempio etichetta nutrition fact per prodotti alimentari

Anche l’eventuale comunicazione della presenza di sostanze potenzialmente benefiche per la salute – ad esempio Omega-3 o beta-glucani – deve comprenderne la quantità ed essere presente nella medesima area dell’etichetta nutrizionale.

Focus: etichetta ambientale

Sebbene il Decreto Milleproroghe 2021 abbia sospeso l’obbligo di applicare un’etichetta ambientale agli imballaggi fino al 31 dicembre 2022 e resti la possibilità per gli operatori di commercializzare i prodotti già in commercio e sprovvisti di etichetta fino ad esaurimento scorte, vale la pena introdurre quelli che diventeranno obblighi normativi dal 1° gennaio 2023.

La normativa di riferimento in questo caso è l’Articolo 3 del Decreto Legislativo 116/2020 che ha recepito le Direttive UE 2018/851 e 2018/852 su imballaggi e rifiuti da imballaggio e introduce gli obblighi di:

 

  • etichettatura degli imballaggi in base a norme UNI (L’ente nazionale italiano di unificazione);
  • indicazione della natura dei materiali utilizzati per l’imballaggio (per i produttori).

L’etichetta ambientale deve fornire al consumatore indicazioni sulla corretta disposizione dei rifiuti, specificando la famiglia del materiale per la raccolta differenziata. Può essere riportata sul corpo principale dell’imballaggio, sulle singole componenti separabili o su quella in cui si trova già l’etichetta. Per la comunicazione delle informazioni possono anche essere utilizzati sistemi per la codifica e la marcatura di QR code.

Etichette miele

Tra le etichette alimentari troviamo alcune particolarità che riguardano prodotti come miele, marmellate e confetture.

etichette miele - etichette marmellata per prodotti alimentari

Per quanto riguarda il miele, le etichette devono riportare alcune informazioni obbligatorie:

  • denominazione di vendita;
  • quantità netta;
  • termine minimo di conservazione;
  • numero di lotto;
  • Paese di raccolta;
  • ragione sociale e indirizzo dell’azienda produttrice o importatrice.
Etichette marmellata e confetture

Per quanto riguarda invece la marmellata e le confetture, le informazioni obbligatorie da riportare in etichetta sono:

  • denominazione dell’alimento comprensiva di nome del frutto o dei frutti utilizzati (in ordine decrescente rispetto al peso);
  • contenuto di frutta utilizzata in grammi per 100 gr di prodotto;
  • zuccheri totali in grammi per 100 gr di prodotto;
  • quantità netta;
  • termine minimo di conservazione;
  • elenco ingredienti;
  • eventuale presenza di allergeni;
  • numero di lotto;
  • modalità di consumo e/o conservazione;
  • ragione sociale e indirizzo della società responsabile delle informazioni presenti sull’etichetta.
Differenze tra imballaggi

Il packaging primario è il contenitore a contatto con i prodotti alimentari che li difende dall’ambiente esterno. Alcuni esempi sono i sacchetti dele patatine, le bottiglie o le lattine.

Sull’imballaggio primario devono essere indicate tutte le informazioni obbligatorie già citate a proposito di etichettatura.

Il packaging secondario è il livello successivo che raggruppa le unità e può essere rimosso senza alterare le caratteristiche dell’alimento. Alcuni esempi sono le confezioni multipack contenenti diversi sacchetti di patatine o le scatole di cartone che contengono le lattine.

Per garantire la tracciabilità anche gli imballaggi secondari dovrebbero essere marcati secondo modalità specifiche che facilitano l’identificazione dei prodotti lungo la supply chain.

Il packaging terziario è quello che viene visto meno dai consumatori, se non nei discount.

esempio etichetta alimentare packaging in cartone per funghi

Si tratta degli involucri che avvolgono i pallet e che sono realizzati per facilitare il trasporto contemporaneo di imballaggi primari e secondari.

Per ulteriori approfondimenti, vi invitiamo a scaricare il white paper gratuito “Guida completa al labelling”.

È arrivato il momento di introdurre alcune soluzioni specifiche per il labelling dei vostri prodotti!

Soluzioni specifiche per ogni fase della supply chain

I sistemi di etichettatura consentono di aumentare la velocità e la precisione nell’applicazione delle etichette e di assicurare la correttezza delle informazioni. Oltre all’importante risparmio economico, l’opportunità di raggiungere una maggiore efficienza – garantendo allo stesso tempo la massima qualità – si concretizza in una riduzione degli scarti e delle verifiche necessarie nell’eventualità di errata applicazione manuale.

esempio etichettatura pallet prodotti alimentari

Un sistema di etichettatura automatizzato offre una maggiore flessibilità e facilita il rispetto degli standard internazionali, ad esempio nel caso in cui l’azienda esporti in diversi Paesi, dove le etichette relative ai valori nutrizionali variano a seconda nelle normative di riferimento.

La possibilità di applicare etichette già realizzate oppure di stamparle e applicarle in tempo reale è un ulteriore vantaggio in termini di velocità ed efficienza.

Una delle principali leve per la competitività sul mercato soprattutto quando ci si rivolge alla GDO è rappresentata dalla varietà della produzione. In quest’ottica la flessibilità dei sistemi – in termini di diversi formati di etichette e prodotti sui quali devono essere applicate – deve essere allineata agli obiettivi di business.

Esempi video di soluzioni di etichettatura

Applicazione di etichette per bottiglie di prodotti conservieri:

I sistemi di etichettatura automatica della Serie NI-MAX applicano etichette su prodotti cilindrici (come le bottiglie di passata di pomodoro), ellittici o rettangolari garantendo precisione a velocità elevate.

Le operazioni di avviamento e cambio formato sono semplici e intuitive per assicurare la massima efficienza operativa.

Applicazione di due etichette su imballaggi secondari in cartone

I sistemi stampa e applica Domino M230i-S e SP consentono l’etichettatura automatizzata frontale o posteriore senza compromettere le prestazioni e offrono un nuovo livello di sicurezza all’operatore grazie alla funzionalità autostop incorporata.

Sistemi stampa e applica per pallet

L’etichettatrice per pallet Domino M230i-P150 è un esempio di soluzione flessibile e automatizzata per l’etichettatura di pallet su uno, due o tre lati del pallet con più etichette contenenti informazioni perfettamente leggibili. Grazie al design innovativo garantisce la massima sicurezza per gli operatori presenti sulla linea di produzione e una grande semplicità d’uso.

Sistemi per la codifica e marcatura di scatole in cartone, l’etichettatura di vaschette e l’applicazione di etichette su pallet:

Nell’articolo di oggi abbiamo parlato di etichette alimentari, approfondendo le normative e le soluzioni automatizzate a disposizione delle aziende per essere conformi agli standard e soddisfare le richieste del mercato.

Il fornitore ideale deve essere in grado di assumere il ruolo di partner e quindi ascoltare le esigenze, comprendere le necessità e proporre sistemi scalabili che possano crescere insieme al cliente.

Nimax è in grado di offrirvi le migliori soluzioni di codifica, marcatura, etichettatura e applicazione di etichette su pallet. Per saperne di più, vi offriamo una consulenza personalizzata gratuita.

consulenza gratuita