fbpx
articolo transizione 4.0 post organici
Guida al piano nazionale Transizione 4.0, tutto quello che c’è da sapere
Giugno 18, 2021
post organici lean manufacturing
Lean manufacturing per i sistemi di codifica e marcatura
Luglio 21, 2021

Guida ai codici a barre

Cosa sono i codici a barre? A cosa servono? E quali sono i codici a barre più comuni?

codici a barre cosa sono codifica codice 2d codici qr

I codici a barre (o machine-readable codes MRCs) sono un insieme di simboli che possono essere scansionati e letti elettronicamente da un computer.

Per cosa vengono usati i codici a barre?

Esistono vari tipi di codici a barre (come i codici 1D e 2D che vedremo più avanti) e vengono utilizzati per codificare i prodotti con informazioni come i numeri di prodotti, codici seriali e lotti di produzione. Sono uno standard industriale e vengono ampiamente utilizzati per migliorare efficienza, sicurezza e affidabilità dei prodotti.

Inventati per essere utilizzati nei supermercati per velocizzare la scansione dei prodotti, i codici a barre vennero utilizzati per la prima volta nel 1974 per scansionare un pacchetto di gomme da masticare marca Wrigley nel supermercato Marsh di Troy, una cittadina dell’Ohio.

Oggi i codici a barre, con forme e dimensioni diverse, svolgono un ruolo fondamentale nella gestione degli inventari, della logistica e del coinvolgimento dei consumatori.

I codici a barre aiutano sia le aziende che i consumatori ad identificare e tracciare velocemente i prodotti man mano che si muovono lungo la supply chain
codici a barre prodotti alimentari
L’evoluzione della tecnologia dei codici a barre

I codici a barre oggi indicano molto più di un semplice prezzo, e si sono evoluti per rispondere alle necessità dei diversi settori industriali e adattarsi ai progressi della tecnologia come, ad esempio, la scansione con smartphone.

Diversi tipi di codici, ovviamente, possono comportarsi in modo diverso: possono variare il tipo di packaging sui cui vengono applicati, i metodi con cui vengono stampati, o i macchinari necessari per scansionarli e leggerli correttamente.

Tra i vari settori industriali che hanno guidato i progressi della tecnologia dei codici ci sono:

  • Retail Point of Sale (POS, punti vendita al dettaglio);
  • Gestione degli inventari;
  • Industriale e manifatturiero;
  • Medicale e farmaceutico;
  • Supply chain e logistica.
Quali sono i codici a barre più comuni?

Grazie al loro utilizzo nei supermercati, i codici a barre utilizzati più spesso sono i codici 1D (unidimensionali). I simboli dei codici 1D sono costituiti da una serie di strisce simili a quelle di una zebra. I codici 1D si trovano nei codici a barre più comuni, come i codici GTIN 8 e GTIN 13 (spesso chiamati codici a barre EAN e UPC), sono quelli che trovate nei prodotti scansionati nei supermercati, per intenderci.

Le norme sempre più severe sulle informazioni dei prodotti e sulla salute dei consumatori, insieme alle richieste di migliorare l’efficienza delle operazioni di logistica e di inventario, hanno creato la necessità di utilizzare codici in grado di contenere un grande numero di informazioni.

Queste informazioni devono essere lette sia da esseri umani che da macchine attraverso gli scanner per leggere ed estrapolare i dati.

Pensate, ad esempio, ai produttori di alimenti freschi che avranno bisogno di inserire nei codici a barre informazioni come il numero di lotto, data di scadenza, peso e altro ancora.

In generale, si dovrebbe utilizzare il termine codice a barre solo per i codici 1D, visto che ai nostri occhi appaiono come un insieme di barre. Ma a dire il vero questo è solo un termine “ufficioso”. La terminologia corretta sarebbe “codici leggibili da macchine”, e può essere utilizzato sia per i codici 1D che per i codici 2D (bidimensionali). Ma la maggior parte delle persone ormai utilizza la parola “codici a barre” per descriverli. Tenendo questo a mente, ora diamo un’occhiata a cosa sono i codici a barre 2D e a come stiano rimpiazzando i codici 1D.

Cosa sono i codici a barre 2D?

I codici 2D potrebbero essere considerati come l’evoluzione dei codici 1D. Questi codici si presentano come un insieme di piccolissimi quadrati e puntini.

Paragonati ai codici a barre 1D, i 2D sono più semplici da scansionare, più resistenti e in grado di contenere più informazioni in un’area più piccola. Se i codici a barre 1D possono contenere 13 o 14 caratteri e occupano uno spazio relativamente grande sul packaging, i codici 2D di solito possono contenere 70 caratteri e occupano circa il 20% dello spazio in meno.

I codici 2D possono contenere immagini, testi, indirizzi web, coordinate geografiche e molti altri tipi di dati binari. Tutte queste caratteristiche rendono il 2D più versatile rispetto all’1D, soprattutto per quello che riguarda il volume di dati necessari per far sì che i prodotti siano conformi alle norme sulla sicurezza e sulla tracciabilità.

Le sfide dell’uso dei codici a barre

Quando un essere umano legge qualcosa, quello che legge è aperto a diverse possibili interpretazioni . Quando si parla di codici a barre, invece, non c’è nessuna interpretazione possibile: ogni macchina leggerà e comprenderà sempre la stessa cosa.

Questo aspetto è particolarmente importante per aziende e consumatori, perché una lettura corretta delle informazioni migliorerà enormemente l’efficienza. Ovviamente se i codici sono stati stampati correttamente. Infatti, un piccolo errore di stampa o di posizionamento può creare una vera e propria valanga di errori che coinvolgeranno l’intera linea di produzione.

Con così tanti usi diversi possibili e con normative e leggi sempre più severe, è fondamentale scegliere il giusto tipo di codici a barre. E proprio perché ci sono così tanti tipi di codici disponibili, può crearsi molta confusione. Confusione che può far sì che avvengano degli errori che possono avere un grande impatto sull’efficienza produttiva.

codice 2d per prodotti farmaceutici

La “santa trinità” del codice 2D – stampa, gestione e controllo (attraverso i sistemi di visione) – deve essere ottimizzata per prevenire che avvengano anche dei piccoli errori. Anche la minima imprecisione può influire drasticamente sulla qualità del codice, con i conseguenti scarti, errori di aggregazione e impatto sull’OEE.

L’importanza dei codici a barre

Il Covid-19, con l’aumento degli acquisti online e con le aziende che si devono adattare a vendere i loro prodotti sul web a causa delle chiusure, ha accelerato la crescita dell’economia digitale.

Di conseguenza anche l’uso di codici 2D, come i codici QR, sono aumentati enormemente nell’ultimo anno.

Con aziende e rivenditori di qualsiasi grandezza che devono tracciare, elaborare e immagazzinare le merci per i mercati nazionali e internazionali, i codici 2D diventeranno una necessità inevitabile proprio a causa del volume di dati richiesti.

La corretta codifica dei codici a barre garantirà un miglioramento della tracciabilità, dell’efficienza della supply chain e della protezione dei consumatori. L’uso di standard internazionali come, ad esempio, GS1 favorisce anche l’interoperabilità tra le diverse parti interessati e i paesi coinvolti.

Se volete saperne di più su come nimax può aiutarvi nella codifica dei codici a barre, mettetevi in contatto con i nostri esperti o richiedete subito una consulenza gratuita.

CTA Consulenza verticale blog - Codifica e Marcatura